Osservatorio Nazionale del Turismo

Menu di navigazione interna alla pagina

Ti trovi in:

Bilancia turistica positiva nei primi dieci mesi dell’anno

Data: 15-01-2014
Autore: Serv. Osservatorio Nazionale del Turismo - Redazione ONT

Secondo le ultime rilevazioni campionarie mensili sul turismo internazionale dell’Italia, a cura della Banca d’Italia, la bilancia turistica dei pagamenti ha rilevato, per il mese di ottobre 2013, un saldo netto positivo di 1.279 milioni di euro in aumento del 6,3% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Anche la spesa degli stranieri in Italia, con un importo pari a 2.766 milioni di euro, ha fatto registrare un discreto aumento (+2,1%), mentre, con 1.488 milioni euro, la spesa sostenuta dagli italiani all’estero subisce ancora una diminuzione (-1,2%). Per quanto riguarda l’intero periodo gennaio - ottobre 2013, la bilancia turistica dei pagamenti ha riportato un avanzo di 12.076 milioni di euro a fronte dei 10.940 milioni di euro registrati nello stesso periodo dell’anno precedente (+10,4%), merito degli stranieri che, nei primi 10 mesi dell’anno, hanno speso nel nostro Paese 29.646 milioni di euro (+3,1%) di cui oltre 19.000 milioni per motivi di vacanza (+6%). La spesa dei nostri connazionali oltre confine registra un calo complessivo dell’1,3% rispetto allo stesso periodo del 2012; rilevante la perdita (-6,3%) della spesa per vacanza dagli italiani all’estero. Gli alberghi e i villaggi turistici sono l’alloggio preferito dai viaggiatori stranieri in Italia: nel periodo considerato (gennaio – ottobre) la spesa in questo tipo di strutture è in aumento del 4,7%. Considerando i mercati di origine della spesa, nei primi 10 mesi del 2013, si rileva che gli stranieri provenienti dall’Unione Europea hanno immesso il 3,2% di valuta in meno nel nostro Paese, mentre è aumentata del 13% quella dei viaggiatori provenienti dai paesi extra UE. I principali mercati di origine per spesa turistica si confermano, comunque, Germania, Stati Uniti, Francia, e Regno Unito, seguiti da Svizzera, Austria e Russia.

 

Stampa